Pensieri di un amico
Pensieri che arrivano nel cuore durante la preghiera
“Un amico di Rivadolmo”
26 novembre 2010 Pensiamo    mai    alle    persone    che    abbiamo vicino    ricordando    il    dono    che    ci    ha    dato    il Signore    mettendocele    accanto?    Sì,    vogliamo bene   a   queste   persone,   le   amiamo   magari,   con l’amore   che   siamo   in   grado   di   dare   noi   terreni, ma      pensiamo      mai      che      queste      persone rappresentano   un   po’   la   grazia   che   il   Signore nella   sua   infinita   bontà   ci   ha   dato,   pensiamo   mai che   queste   persone   sono   un   dono   del   cielo   e come    un    dono    del    cielo    “dobbiamo”    amarle ogni   istante   della   nostra   vita   poiché   non   sarà eterno   il   tempo   che   queste   saranno   accanto   a noi,    impariamo    veramente    a    ringraziare    ogni giorno    il    Signore    (amando    ogni    giorno    loro renderemo    grazie    al    Signore    e    nello    stesso tempo   ameremo   veramente   anche   Gesù,   poiché Lui   è   sul   volto   di   tutti   coloro   che   incontriamo, non   perdiamo   occasione   di   donare   anche   una preghiera,   un   pensiero,   un   sorriso   così   avremo evitato   di   gettare   via   quel   tempo   prezioso   che   ci è     donato),     per     ogni     istante     che     ci     viene concesso,   di   assaporare   la   loro   presenza   nella nostra vita. Nessuno   ci   è   stato   messo   accanto   per   caso, ricordiamo   sempre   questo,      e   amiamole   sempre come      fosse      l’ultimo      giorno      in      cui      le
incontriamo.   Forse   questo   pensiero   è   lontano da    ciò    che    noi    pensiamo    generalmente,    ma proviamo   a   pensare   alle   persone   che   sono   sole, alle   persone   che   non   hanno   mai   avuto   la   gioia di   un   figlio,   un   fratello,   una   madre,   un   padre, un nipote. Forse   se   noi   pensassimo   più   attentamente e     con     costanza     a     questo,     forse     se     noi guardassimo   intorno   a   noi   con   gli occhi       di       Gesù       Cristo, avremmo     già     fatto     un grande     passo     verso     di Lui,         avremo         fatto veramente       fruttare       i tesori   che   il   Padre   nella sua   infinita   bontà   ci   ha donato. Siamo        sempre        alla ricerca   di   qualcosa   che   ci   manca, che     ci     fa     essere     tristi,     che     ci     fa arrabbiare,    che    ci    fa    sentire    giù,    certo    la condizione   umana   ci   porta   ad   essere   esigenti sempre   di   più   a   dimenticare   i   grandi   doni   che già      abbiamo.      Cerchiamo      veramente      di        imparare    ad    ascoltare    la    parola    del    Signore. Questo      incontro      con      Gesù      facciamolo
veramente   ogni   giorno,   e   impariamo   ad   amarci   veramente come   Lui   ci   ha   amato,   certo   noi   siamo   deboli,   siamo fragili,   tutto   vero,   non   saremo   mai   come   Cristo,   poiché Lui    solo    è    il    Signore,    però    non    cerchiamo    scuse    e cominciamo   a   mettere   la   nostra   buona   volontà   nelle   sue mani   così   potremo   vedere   i   frutti,   potremo   vedere   i   fiori, potremo    incontrare    l’amore,    che    non    è    un’utopia,    una cosa   impossibile   ma   con   i   nostri   limiti   e   la   nostra   umanità potremo rendere lode a chi ci ha donato tutto. Credo   che   questa   sia   la   preghiera   che   il Signore   desidera   più   di   tutte.   Proviamo   a vivere   il   tempo   che   ci   è   concesso   con   la certezza   di   risorgere   con   Lui,   di   aggiungere sempre   qualcosa   nello   zaino   che   abbiamo sulle   spalle,   non   è   materia   pesante   tutto   ciò, anzi    è    leggera    è    soave    e    ci    sembrerà    di camminare volando. Non   so   se   comprenderete   quello   che   qui   ho scritto   e   quello   che   vorrei   trasmettere   a   ognuno   di voi,   ma   mi   è   scaturito   questo   pensiero   all’improvviso   e così   lo   trasmetto   a   voi,   ricordando   che   non   vuole   essere insegnamento   a   nessuno   poiché   uno   solo   è   il   Maestro, anzi   rendo   grazie   allo   Spirito   che   mi   ha   suggerito   queste parole, questi pensieri. Vi   amo   davvero   tanto   e   ringrazio   il   Signore   di   tutto   il bene che ho ricevuto attraverso di voi.
Rita e famiglia
Stavo    cercando    le    parole    giuste    per    scrivervi    una    lettera    di ringraziamento   per   il   vostro   impegno   e   per   tutto   l'amore   che   io   e   la mia   famiglia   riceviamo   ogni   primo   sabato   del   mese   quando   con tanta    gioia    partecipiamo    al    "NOSTRO"    incontro    di    preghiera    e celebrazione    eucaristica.    Ho    aperto    il    vostro    sito    e    subito    sono andata   al   link   delle   testimonianze   e   leggo   nella   lettera   di   "un   amico di   Rivadolmo"   le   parole   che   non   ero   in   grado   di   esprimere   con   la mia scarsa capacità di scrittura. L'accoglienza   che   si   riceve   nell'occasione   dell'incontro   è   proprio come   questo   amico   ha   descritto,   si   sente   un   amore   particolare,   un amore   fraterno   e   non   vorresti   più   che   la   serata   finisse.   Un   amore che   ti   rimane   addosso   per   tutto   il   mese   e   non   vedi   l'ora   che   arrivi   il prossimo   incontro   per   ritrovare   tutte   queste   persone   che   ti   amano   e
che ti senti di amare come Lui ci ha insegnato. Ringrazio   il   Signore   per   il   dono   di   "Rivadolmo",   dei   sacerdoti   che   vi celebrano     la     messa     ,     che     durante     la     confessione     ti     donano     la riconciliazione   con   il   Padre   e   che   con   l'imposizione   delle   mani   ti   fanno sentire figli di un Dio che è AMORE INFINITO. Un    ringraziamento    particolare    al    gruppo    del    canto,    che    con    la    loro musica   donano   al   nostro   cuore   una   pace   e   una   gioia   che   ci   accompagna durante le nostre giornate di lavoro quasi sempre stressanti . Un   grazie   al   nostro   Signore   Gesù   e   alla   Sua   Mamma   Celeste   che   hanno permesso     che     la     realtà     di     Rivadolmo     continui     e     continui     e continui................... Lode e gloria Rita e famiglia
Daniela
16 gennaio 2011
Ringrazio di cuore tutte le persone e in modo particolare i sacerdoti che attraverso la loro testimonianza e intensità spirituale hanno contribuito a far crescere nella fede anche la mia persona e poter essere con l'aiuto di DIO testimone credibile per le persone che quotidianamente lungo le strade della vita incontro. grazie di cuore un caro saluto Daniela